Cellulite: cos’è, cosa fare e come affrontarla

Scritto il

L’85% delle donne soffre di cellulite, complice lo stile di vita ma anche la genetica. Si tratta non a caso, di uno degli inestetismi più odiati anche da chi è normopeso. Ma in presenza di cellulite cosa fare? E come arginarla o prevenirla in modo efficace? Scopriamolo assieme!

Che cos’è la cellulite

La cellulite – in linguaggio medico pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica – indica una condizione alterata del tessuto sottocutaneo ricco di cellule adipose. In particolare la cellulite è caratterizzata da ipertrofia delle cellule adipose, dove, negli spazi intracellulari si accumulano liquidi in eccesso, con malformazioni a forma di buccia di arancia e depressioni.

Un quadro dettagliato su cos’è la cellulite viene da una ricerca pubblicata su “International journal of Cosmetic Science” ad opera dello studioso Anthony V. Rawlings.

I numeri parlano chiaro: l’85% delle donne sopra i vent’anni presenta «un certo livello di cellulite localizzato principalmente nelle regioni gluteo femorali».

Il dermatologo Mitchel P. Goldman definisce questa condizione come «un normale stato fisiologico nelle donne post-adolescenti che massimizza la ritenzione di adiposo per garantire un’adeguata disponibilità calorica per la gravidanza e l’allattamento» (M. P. Goldman, Cellulite: a review of current treatments, «Cosmetic Dermatology» 2002).

Da queste interessanti affermazioni possiamo trarre tre considerazioni:

  • la cellulite non è da considerarsi una malattia;
  • si tratta di una condizione fisiologica e estremamente diffusa;
  • a determinare la cellulite è generalmente la struttura genetica femminile, naturalmente predisposta al concepimento e alla conservazione delle calorie, spesso sotto forma di adipe, atte a garantire lo sviluppo del feto.

 

Le cause della cellulite

La causa principale è un rallentamento della circolazione che provoca alterazioni del pannicolo adiposo; infatti quando si ha un rallentamento del microcircolo, le pareti dei vasi sanguigni diventano meno elastiche e toniche, fino a quando attraverso le sue cellule si ha la fuoriuscita della parte liquida del sangue, che invade gli spazi tra le cellule e i vasi stessi, provocando il ristagno dei liquidi con edema dei tessuti.

cellulite rimedi naturali

Di norma, la cellulite diminuisce dopo la menopausa, in assenza di trattamento ormonale sostitutivo.

Essa è favorita da questioni ormonali e problemi vascolari  ma esistono anche cause comprimarie come:

  • vita sedentaria o dimagrimento eccessivamente rapido: il tessuto muscolare cede e quindi si aggrava la situazione visiva della cellulite. Per avere meno problemi di cellulite bisogna essere sempre in movimento, il moto infatti aiuta a mantenere efficiente muscolatura, circolazione e metabolismo aiutando a bruciare i grassi e a prevenire la stasi circolatoria.
  • postura sbagliata e con gambe accavallate, contribuisce ad aggravare la circolazione sanguigna e quindi la cellulite perché comprime i vasi.
  • Stress e fumo: lo stress aumenta il livello degli ormoni dello stress e invece il fumo ha un’azione vasocostrittrice e aumenta i radicali liberi che peggiorano il microcircolo e aiutano ad accelerare l’invecchiamento cutaneo.
  • abuso di alcolici;
  • cattiva alimentazione;
  • sovrappeso;
  • ritenzione idrica.

Un fattore che influisce enormemente sulla formazione della cellulite è il “sovrastress”: questo perché l’eccesso ripetuto di stress finisce per disequilibrare le funzioni neurormoniche (produzione e gestione degli ormoni femminili) e neurovascolari (adrenalina e cortisolo).
Questi ultimi provocano microspasmi al livello dei muscoli che controllano le arteriole più piccole. Queste si contraggono, frenando la circolazione del sangue nelle zone interessate. Le cellule non ricevono più i nutrienti di cui hanno bisogno e un po’ alla volta il tessuto adiposo si autoasfissia.

Questa sofferenza dei tessuti provoca a sua volta due fenomeni:

  • La fibrosi: le fibre di collagene e elastina che formano il tessuto cellulare di sostegno si aggregano e muoiono; compaiono delle formazioni leggermente indurite (cordoni) che circondano le cellule di grasso, le imprigionano e le rendono dolorose al tatto.
    La fibrosi isola i tessuti coinvolti dal metabolismo generale.
  • In seguito, l’infiammazione: il tessuto nutrito male è vittima di dolorose reazioni infiammatorie. In superfice questi tessuti infiammati e fibrotici formano una sorta di noduli tondeggianti: è la buccia d’arancia!

 

Tre tipi di cellulite

Lo studio Cellulitis: diagnosis and management del 2011, a opera di Elizabeth Bailey e Daniela Kroshinsky, identifica diverse tipologie di cellulite:

  • linfoedematosa, localizzata su caviglie e zone posteriori delle gambe (accompagnata anche da insufficienza venosa);
  • cellulite mista, una fase iniziale che vede la presenza di piccoli avvallamenti;
  • cellulite molle, dove all’accumulo di adipe si presenta con una perdita importante di tono sottocutaneo.

È  nel derma, che nutre l’epidermide dove poi si manifesta la cellulite, che tutto ha inizio.

In esso, infatti, si trovano le cellule adipose (adipociti), ma anche i capillari che garantiscono il microcircolo linfatico. Questi svolgono l’importante funzione di raccolta delle sostanze di scarto e si preoccupano di rilasciare ossigeno.

Le cause che prima abbiamo citato come agenti scatenanti della cellulite bloccano il microcircolo, causando l’aumento di volume degli adipociti e impedendo una corretta ossigenazione dei tessuti. Di conseguenza si genera un’infiammazione della superficie della pelle.

Perché la cellulite si presenta in zone specifiche diverse del corpo? La causa è individuabile nel genotipo di appartenenza, una classificazione introdotta dallo studioso Jean Vague nel 1950 in un trattato sull’obesità.

cellulite rimedi naturali

Secondo questo studio la biodiversità femminile si divide in due categorie: il genotipo androide, che accumula grasso sulla parte superiore del corpo, e quello ginoide, propenso a immagazzinare grasso in glutei e gambe.

 

Metodi e aiuti naturali

Da un lato la cellulite è una condizione naturale che colpisce la maggior parte delle donne. Però è anche vero che si tratta di una condizione strettamente collegata alla ritenzione idrica e al microcircolo, e di conseguenza è possibile ottenere buoni risultati dall’utilizzo di alcuni estratti naturali che agiscono su questi due aspetti.

Per esempio, a quanto sostiene la ricerca Bromelain: an Anti-Inflammatory Agent di Bert Seligman può essere utile ricorrere a estratti di ananas, titolati in bromelina.

La bromelina è infatti un enzima con proprietà non solo antinfiammatorie ma anche fortemente diuretiche e, dunque, drenanti. Contenuta nel gambo del frutto dell’ananas, normalizza la struttura del tessuto cutaneo e sottocutaneo svolgendo un ruolo importante anche nella prevenzione della cellulite.

Producono benefici anche le piante attive sulla circolazione (come il Rusco, la Centella, la Vite rossa, il Ginkgo, l’Amamelide e l’Ippocastano) che nei tessuti cellulitici è sempre compromessa, riducendo la sofferenza tissutale dovuta a scarso apporto di ossigeno.

Inoltre piante ad attività antiinfiammatoria come il gambo di Ananas, la Papaia e l’Olmaria, che svolgono un ruolo importante nel combattere la cellulite, riducendo la dolenzìa tipica del tessuto cellulitico.

cellulite

PSC Cellulo Reducto – Gocce
Integratore alimentare che favorisce il drenaggio dei liquidi corporei. Utile in caso di cellulite e insufficienza venosa
ACQUISTA ORA

 

TRATTAMENTI ESTETICI

Linfodrenaggio: è un massaggio che serve a riattivare la circolazione linfatica, sfruttando la corrente continua. Attraverso la corrente erogata viene veicolato lo smaltimento delle tossine dell’organismo.

Pressoterapia: è utilizzata soprattutto su pazienti che oltre a manifestare inestetismi dovuti alla cellulite presentano edema e gonfiori. Si effettua inserendo le gambe in speciali gambali che, gonfiandosi e sgonfiandosi aritmicamente, drenano i liquidi, riattivano la circolazione ed hanno un’azione rilassante.

Scrub naturale: 2 cucchiai di argilla bianca, due manciate di sale marino integrale, un cucchiaio di olio di jojoba, uno di yogurt bianco e tre gocce di olio essenziale di cipresso. Distribuitelo sul corpo dopo la doccia prima di sciacquare.

Automassaggi: Prima della doccia spazzolatura a secco. Dopo la doccia automassaggio con oli di mandorla + oli essenziali di cipresso e ginepro.

 

Alimentazione

Un’alimentazione sbagliata, cioè troppo piena di calorie e di cibi ricchi di grassi e di sale, favorisce un accumulo di adipe localizzato e ritenzione dei liquidi.

Ecco i principali consigli dietetici:
– Bere molta acqua;
– Mangiare molta verdura (asparagi, pomodori, carote, cicorie) e frutta;
– Fare una dieta equilibrata, senza però perdere troppo velocemente i chili in eccesso;
– Ridurre il sale;
– Ottimi i semi di zucca;
– Al mattino estratto di carote, finocchi e mela;
– Eliminare fumo e alcool.

 

UN PIANO D’AZIONE IN 5 FASI

Questo è il sistema naturale anticellulite più efficace che conosca, poiché agisce contemporaneamente su:
– metabolismo
– drenaggio linfatico
– rafforzamento muscolare
– gestione dello stress.

Prima fase: controllo degli indici metabolici

Seguendo le regole alimentari che suggerisco, aiuterete l’organismo a limitare l’accumulo dei grassi e lo stress ai tessuti. Così il tessuto grasso inizierà a ricollegarsi al metabolismo generale. Inoltre si eviteranno microcrisi ipoglicemiche e conseguentemente parte dello stress.

Seconda fase: il palper-rouler

Serve per liberare questo tessuto grasso prigioniero, farlo rivivere e ricollegarlo al metabolismo generale che lo drenerà e nutrirà.

cellulite rimedi naturali
Non esiste alcun prodotto  miracoloso e nessuna crema, ma basta un gesto semplice, ripetuto almeno due volte al giorno (tre se possibile) per cinque minuti, per ottenere risultati sbalorditivi.

Terza fase: il drenaggio linfatico grazie alla forza di gravità

Liberando i tessuti fibrosi, il palper-rouler immette nella circolazione generale una grande quantità di tossine che l’organismo deve eliminare. Per aiutarlo basta usare la forza di gravità con semplicissimi esercizi.

Quarta fase: gli esercizi di rafforzamento muscolare

Una pratica fisica moderata e regolare aiuta a rafforzare il contorno del muscolo, così che i tessuti grassi e cutanei si distendano in modo naturale sulla sua superfice. Così, un poco alla volta, ridisegnerete la vostra figura.

L’ideale sarebbe iscriversi a un corso di fitness, acqua-gym o fare ginnastica a casa. Qualche semplice esercizio, fatto tutti i giorni per 10 minuti, basterà per ottenere risultati eccellenti. Per aiutarvi usate un accompagnamento di musica ritmica!

Quinta fase: la gestione dolce dello stress

Esistono numerose tecniche che aiutano a gestire meglio lo stress: Yoga, training autogeno, rilassamento, ecc.
Inoltre consiglio caldamente l’utilizzo di fitoterapici ed essenze floreali, davvero efficaci per indurre un maggiore rilassamento e l’abbassamento del livello di stress.