Cordyceps Sinensis, il fungo dai mille benefici

Scritto il

Il Cordyceps sinensis è un fungo medicinale originario del Tibet dove cresce a circa 16.000 piedi (4.877 metri) di altitudine. Da millenni utilizzato nella medicina tradizionale cinese come energizzante, tonico e anti-age.

Ma le sue proprietà sono anche altre: potente immunostimolante così da preservare l’organismo da l’attacco di agenti patogeni e conseguenti invezioni batteriche e virali, il cordyceps affianca proprietà toniche eccezionali e un’azione elettiva su bronchi, fegato e apparato genitourinario.

Recenti studi scientifici hanno confermato le sue qualità, dovute a principi attivi quali cordicepina, acido cordicepico, ergosterolo, adenosina e betaglucani.

STANCHEZZA ADDIO
Essendo un potente adattogeno il cordyceps sinensis è di grande supporto in caso di esaurimento psicofisico e cali d’umore come lievi depressioni. Migliorando l’utilizzo dell’ossigeno produzione di ATP (incremento di circa il 28%), il cordyceps in caso di astenia e stanchezza è una manna dal cielo!
Il Cordyceps per queste sue qualità è fortemente adatto agli sportivi, sia per affrontare attività di tipo agonistico migliorando le performances sportive, che per recuperare forze ed energia.

UN GRANDE AIUTO IN CASO DI IMPOTENZA
Il cordyceps contribuisce a normalizzare la sintesi degli ormoni sessuali, ripristinare la libido e combattere l’impotenza. Alcuni studi documentano buoni risultati su  infertilità sia maschile che femminile. È inoltre un ottimo supporto nella riduzione o nell’eliminazione di eventuali antidepressivi, che comportano un assenza della libido, compromessa proprio a causa di un forte stress del sistema nervoso.

MIGLIORA LA FUNZIONALITA’ RENALE
Il cordyceps sinensis svolge sui reni una marcata azione riparatrice anche quando il danno d’organo è già presente. Ricerche mettono in evidenza una marcata riduzione di creatinina e proteinuria ematica, migliorando la capacità di filtraggio da parte dei glomeruli renali.

SOLLIEVO PER I BRONCHI
Ottimo aiuto in diverse malattie respiratorie croniche come la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Grazie alla sua azione antinfiammatoria ed alla capacità di regolare la risposta immune, il cordyceps migliora il controllo dell’asma bronchiale.

PROTEZIONE PER IL FEGATO
Il cordyceps svolge un’azione epatoprotettrice da tossine chimiche o di altra natura e rallenta la degenerazione delle sue cellule in caso di cirrosi epatica. Inoltre migliora il profilo lipidico, la glicemia e le transaminasi. Cosicché il cordyceps è di grande utilità nei confronti di steatosi epatica

Come nel caso degli altri finghi medicinali, il Cordyceps sinensis è controindicato negli allergici ai funghi e come per la maggior parte dei rimedi naturali, in gravidanza e allattamento.

Gianluca Lombardi